Azienda Beato de Tschiderer
Homepage > Organizzazione >
Ricerca
spaziatore1


Homepage
L'Azienda
RSA Soggiorno per Anziani
Audiologia

spaziatore2


Presentazione Logopedia
Come arrivare
Contatti

spaziatore3


Equipe multiprofessionale
Accesso al servizio
Organizzazione
Rapporto con l'utenza

spaziatore4
Powered by Be@Work

ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO - SEDI

 La sede del Servizio è a Trento in via Piave 108. Gli ambulatori sono siti al piano terra sul lato ovest dell'edificio, facilmente accessibili e raggiungibili dagli utenti.

Sede di Trento:
Centralino: tel. 0461 - 273411
Segreteria: via Piave 106/108 - 38122 Trento -  tel. 0461/273423 - fax 0461/273458
e-mail:  logo@iaps.it

Le altri sedi del servizio distribuite sul territorio provinciale sono le seguenti:
Sede di Rovereto: tel. 0461 - 273485
Corso A. Rosmini, 52
38068 Rovereto

Sede di Riva: tel. 0461- 273486
Viale Rovereto, 18
c/o Colonia Miralago
38066 Riva del Garda

Sede di Cles: tel. 0461- 273488
Via Chini, 31
c/o Istituto Comprensivo Cles "Bernardo Clesio"
38023 Cles

Sede di Levico: tel. 0461- 273487
c/o Piazza Medici, 5
38056 Levico

Sede di Mezzolombardo: tel. 0461 - 273489
Via A.Manzoni,, 1
38017 Mezzolombardo

Sede di Cembra: tel. 0461- 273484
c/o Municipio - Piazza Marconi, 7
38034 Cembra

Sede di Storo: tel. 0461/273423 - fax 0461/273458
c/o Istituto comprensivo Chiese "Don L. Milani"
Via Papaleoni, 51
38089 Storo

Sede di Primiero-  tel. 0461/273423 - fax 0461/273458
c/o Centro Servizi
via Vecchia, 11
38050 Mezzano

ACCESSO AL SERVIZIO

La domanda di accesso al servizio deve essere presentata su apposito modulo disponibile presso gli uffici dell'Azienda o scaricabile da questo sito internet alla sottopagina "accesso al servizio" e sottoscritta dai genitori del bambino o da chi ne fa le veci.
La domanda può essere inviata:
- per posta all'indirizzo
APSP Beato de Tschiderer servizio logopedia
via Piave 108 38122 Trento
- tramite posta elettronica a logo@iaps.it
- via fax ai numeri 0461/273458 oppure 0461/273439
- a mano presso la segreteria del servizio negli orari di apertura al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

La segreteria, telefonicamente o verbalmente, fornisce informazioni sulle modalità di accesso, orari, tempi di attesa, organizzazione del servizio, modalità di pagamento dei ticket.
Il coordinatore responsabile scientifico effettua una valutazione prediagnostica per verificare la congruità della domanda alla tipologia di prestazioni che il servizio eroga rispetto all'accordo con l'Azienda sanitaria.


VALUTAZIONE DIAGNOSTICA

La valutazione diagnostica viene sempre effettuata nella sede di Trento.
La valutazione diagnostica è svolta dagli specialisti e prevede le seguenti fasi:
1. Colloquio anamnestico: viene svolto dallo specialista (neuropsichiatra infantile o psicologo). Viene aperta la cartella clinica dell'utente.
2. Inquadramento diagnostico: consiste nelle prestazioni (da 1 a 4 incontri) che permettono la definizione del quadro clinico: valutazione neurologica, valutazione neuropsicologica e cognitiva, valutazione psicologica, somministrazione di test cognitivi, neuropsicologici e proiettivi
3. Valutazione logopedica: viene svolta, se necessaria, dalla logopedista e prevede la somministrazione di test appropriati; consiste in un numero variabile da 1 a 3 incontri.
4. Relazione d'ingresso: a conclusione del percorso diagnostico i professionisti provvedono alla stesura della relazione di ingresso dove viene descritto il risultato del percorso diagnostico e le proposte di intervento.
5. Colloquio di restituzione: conclusa la fase di valutazione diagnostica l'equipè provvede alla restituzione del caso alla famiglia illustrando la relazione d'ingresso ed il quadro clinico del bambino, spiegando le conclusioni a cui sono pervenuti gli specialisti e le proposte conseguenti. In quella sede vengono prescritti eventuali altri esami clinici necessari e qualsiasi altra proposta diagnostico- terapeutica ritenuta utile.

PRESA IN CARICO LOGOPEDICA

Se alla conclusione della valutazione diagnostica si ritiene necessario un intervento di riabilitazione logopedica questo verrà avviato nella sede del servizio più prossima alla residenza dell'utente.
La presa in carico logopedica  comprende le attività che i diversi professionisti coinvolti svolgono, in costante interazione tra loro, per perseguire gli obiettivi del progetto riabilitativo. Ciascun utente è seguito da due professionisti: un referente clinico (neuropsichiatra infantile o psicologo) e una logopedista.

Le prestazioni previste per la presa in carico sono:
- Presa in carico: individuata la logopedista che seguirà il bambino gli specialisti che hanno eseguito la valutazione provvedono a passare tutte le informazioni necessarie. Viene aperta la cartella logopedica dell'utente.
- Controlli clinici: a cadenza regolare lo specialista effettua un controllo clinico al fine di valutare l'evoluzione del bambino, l'efficacia del trattamento, la necessità eventuale di altri approfondimenti o interventi.
- Verifica del progetto riabilitativo: periodicamente la valutazione clinica e logopedica viene aggiornata attraverso la somministrazione degli stessi strumenti della valutazione iniziale in modo da valutare i progressi del bambino in quanto questi rappresentano un indicatore dell'efficacia del progetto.
- Verifiche successive con la famiglia: le verifiche periodiche con la famiglia possono prevedere diverse modalità che vengono decise in base all'andamento del bambino: per tutti i casi la logopedista incontra periodicamente i genitori per illustrare l'andamento del progetto riabilitativo. Quando necessario, (soprattutto nei casi più complessi) gli incontri con i genitori sono svolti congiuntamente da logopedista e specialista, per altri casi può essere necessario che sia lo specialista ad incontrare periodicamente i genitori.
- Rapporti con altre istituzioni: la caratteristica delle patologie seguite comporta la necessità di raccordi con altre istituzioni e professionisti, in particolare con la scuola. Per i bambini che usufruiscono della certificazione ai fini della legge 104/92 per l'inserimento scolastico i rapporti interistituzionali previsti dalla normativa e successivi accordi di programma prevedono due incontri annui. Per gli utenti non certificati gli incontri sono definiti di volta in volta a seconda delle necessità.
- Discussione caso: lo specialista di riferimento e logopedista a cadenza regolare o più frequentemente qualora se ne rilevasse la necessità, si incontrano per discutere l'andamento del percorso riabilitativo e pianificare il proseguo della presa in carico.
- Stesura relazioni e certificati: di prassi si rilascia una relazione a conclusione della valutazione diagnostica (relazione d'ingresso) ed alla conclusione del trattamento logopedico (relazione di dimissione). Su specifica richiesta dei genitori vengono rilasciate relazioni cliniche in itinere o certificazioni.
Per i bambini che usufruiscono della certificazione per il sostegno scolastico vengono rilasciate anche le diagnosi funzionali.

DIMISSIONE

A conclusione del trattamento riabilitativo gli specialisti che hanno in carico l'utente predispongono la relazione di dimissione. La relazione illustrerà sinteticamente il percorso riabilitativo svolto e i risultati raggiunti rispetto agli obiettivi prefissati. Verranno definite prospettive future per l'utente, eventuali percorsi di accompagnamento o di passaggio ad altro servizio qualora ve ne fosse l'indicazione.

spaziatore5

 

NOVITA' AGOSTO 2016

DEMATERIALIZZAZIONE PROCEDURE E GESTIONE DOCUMENTALE PA art. 17 del DPCM 13 novembre 2014

 

 

 

NUOVA MODULISTICA  2013

A partire dal 01 luglio sono disponibili i nuovi moduli per l'accesso alla valutazione logopedica: dal menù in basso a destra va selezionata la voce "Accesso al servizio" e nella nella parte centrale si trovano i collegamenti al "modulo di accesso al servizio logopedico" e relativo "foglio informativo".

spaziatore6